Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/357

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
354 il morgante maggiore.

42 In questo tempo il re Margheritonne
     Con la sua iscimitarra non ischerza,
     Ed avea seco quel gran Sirionne,
     Con un baston, ch’ognun fugge alla terza:
     Per che i Cristiani impauriti sonne,
     Come il cane al sonaglio della sferza,
     Chè si sentia le catene e le palle
     Sempre quel dì sopra gli elmi sonalle.

43 Uccise questo Angiolin di Bellanda
     D’una percossa, che fu sì crudele
     Che il capo gli schiacciò come una ghianda,
     E Marco e il suo fratel da San Michele:
     Rinaldo è capitato in quella banda,
     Per aiutare il suo popol fedele;
     Vede costui che menava la mazza,
     E molta gente crudelmente ammazza.

44 E grida: Ah, Saracin, che vuoi tu fare?
     Se’ tu venuto qua con un'antenna,
     Per voler nostre gente mazzicare?
     Volgiti a me, chè la morte t’accenna.
     Poi lasciava Frusberta scaricare,
     E spezza l’elmo e truova la cotenna,
     E parte il teschio e ’l collo, e passa l’omero,
     E divise costui come un cocomero.

45 Margheriton con gran furor si getta
     Addosso al prenze, e credette aiutallo;
     Rinaldo il capo pel mezzo gli affetta,
     Come si parte una noce col mallo:
     Poi rovina la spada con gran fretta
     E trovava la testa del cavallo;
     Tanto che morto col signor suo cade,
     Perchè Frusberta non taglia, anzi rade.

46 Bianciardin con gran gente venne avante,
     E Galleran, Mattafirro, e Fidasso,
     L’Arcaliffa famoso, e Balugante,
     Brusbacca il Sire, e Malducco di Frasso,
     Ed alcun capitano ed ammirante;
     E cominciossi avviare un fracasso,
     Che par che caggi o ruini la torre
     Di Babel già, sicchè ognun quivi corre.