Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/400

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto ventesimosettimo. 397

257 Fammi Turpin maravigliar talvolta,
     Se non ch’io veggo poi ch’e’ dice il vero,
     Quand’io ho questa istoria ben raccolta;
     Che molte madre drento al fiume Ibero
     I propri figli in quella furia stolta
     Gittâr la notte con istran pensiero,
     Chè il furor tutto ministrava e guida,
     E non si scorge altro romor, che strida.

258 Ed altre in mezzo gli gittâr del foco,
     Per non venire alle man de’ Cristiani,
     Ne’ pozzi e nelle fogne e in ogni loco;
     Altre gli uccison con lor proprie mani:
     O vendetta di Dio, qui sare’ poco
     Agguagliar la miseria de’ Troiani
     A tante afflitte e sventurate donne,
     Quando e’ mentì del gran caval Sinonne.

259 Credo che Tito con Vespasiano
     Non fêr de’ Giudei tanto, s’io non erro,
     Quanto costor di quel popol profano;
     Pensa che insino a Turpin pare sgherro;
     Qual Sagunto o Cartagin d’Affricano;
     La cosa va tra l’acqua e ’l fuoco e ’l ferro,
     E ’l fuoco par, com’io dissi, penace:
     Pigli ciascun qual de’ tre più gli piace.

260 E se alcun pur si fuggiva meschino,
     In ogni parte la morte rintoppa,
     Chè Ricciardetto, e il Danese, e Turpino
     Ed Ansuigi per tutto gualoppa.
     Intanto è ritrovato Bianciardino,
     Ch’era nascoso in un sacco di stoppa;
     Rinaldo far gli volea pure il gioco,
     Ed appiccarvi con sua mano il foco.

261 Carlo gli disse: Io lo riserbo a peggio.
     Marsilio intanto in sala era legato
     Come un can per la gola, allato al seggio
     Dov’e’ fu già da sua gente onorato;
     E non poteva ignun pigliar puleggio,
     Chè il palazzo era per tutto guardato,
     Acciò che cosa nessuna si fugga,
     Sì che la roba e la gente si strugga.