Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/401

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
398 il morgante maggiore.

262 Aveva Carlo un suo certo schiavone
     Lungo tempo tenuto, detto l’Orco,
     Che godeva la notte il ribaldone
     Nel sangue imbrodolato come un porco;
     E stava all’uscio con un gran bastone,
     Ch’egli avea fatto d’un certo biforco:
     E chi voleva fuggir dalle poste,
     Convien che prima contassi con l’oste.

263 Non si potea qui dir, come Biante:28
     Io me ne porto ogni mia cosa meco:
     Più tosto molto ben le rene infrante
     Da quel baston se ne portava seco;
     E s’alcun pur gli scappava davante,
     Calò, calò si potea dire in greco;
     Perchè e’ faceva le persone destre,
     E bisognava calar le finestre.

264 E’ pareva ogni cosa vetro o ghiaccio,
     Dove e’ giugnevan quelle sconce botte:
     E scrive alcun di questo ribaldaccio,
     Ch’egli arrostì de’ moricin la notte,
     Che gl’infilzava in quel suo bastonaccio,
     Poi gli mangiò come porchette cotte;
     Ma perchè il caso non mi pare onesto,
     Credo che Carlo non sapessi questo.

265 E così fu questa città dolente
     Con fuoco e sacco rovinata tutta,
     Sì che, a veder la rovina e la gente,
     Una cosa pareva schifa e brutta;
     E non è maraviglia veramente
     Che così in una notte sia distrutta,
     Chè le moschee rovinavano a ciocca,
     Tanto l’ira del ciel sopra trabocca.

266 Avea già Anselmo e poi Chiron mandato
     Carlo a Marsilio, per quel ch’io ne ’ntendo;
     E fu ferito l’un, l’altro ammazzato;
     Cioè Chiron, indrieto poi venendo:
     E Carlo aveva molto minacciato,
     Gerusalem, Gerusalem, dicendo,
     tu piangerai, Siragozza ribalda,
     Nè pietra sopra pietra in te fia salda.