Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

29
Ol föm al va dré a chi beiIl fumo, cioè l’albagia e la vanità, va dietro ai belli.
Caàl pissinì al par semper noelì, o al par semper ü poledrìVGioventù, Vecchiaia.
Carne grassa, carne giassaCarne grassa, carne ghiacciata — Può intendersi: Chi è pingue ha fresche le carni, Chi è pingue è più sensibile al freddo, ed anche meno sensibile al fuoco dell’amore.
Chi bel völ comparì, impó d’mal l’à de sofrìChi bello vuol parere, la pelle del viso gli convien dolere — Pena patire per bello parere.
Chi è bröt è a’ malgarbàt o malinastùsChi è brutto è anche sgarbato — Chi è brutto, è brutto e dispettoso.
Chi gh’à ’l gós, gh’à töt cósChi ha il gozzo, ha tutto — e forse s’intende che chi ha il gozzo, ha ogni deformità.
Del pél rós póe ghe n’è e manc ghe ’n fósDel pelo rosso poco ce n’è e manco ce ne fosse — perchè, al dire de’ Toscani, rosso è mal pelo. E Marziale: Crine ruber, niger ore... Rem magnam præstas, Zoile, si bonus es. Anche nell’Andalusia si suol dire:

Si a caso piensas casarte,
     Busca la novia morena;
     Porque de las peli — rubias
     Milagro sale una buena.

Dòna pelusa o mata o virtüusa — ed anche dicesi: Om pelùs o mat o virtüùsDonna pelosa matta o virtuosa — e lo stesso dicesi dell’uomo.
La bela sbiaca e ’l bel belèt l’è quel che va zo per ol bècLa bella biacca ed il bel belletto è quello che va giù, per il becco — Una buona e sana alimentazione dà un bello e non finto colorito.