Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30
La véra belessa l’è giornaliéraLa vera bellezza è giornaliera — cioè non è di tutti i giorni.
L’è miga bel quel ch’è bel, ma l’è bel quel che piàsNon è bello quel ch’è bello, ma è bello quel che piace — Diciamo anche:
No l’è bel Fiorenza, ma l’è bel Piasensa — Questi proverbi farebbero dipendere il bello dai vari gusti degli uomini; ma al vero bello si fa onore coi due seguenti:
L’öć al völ la sò partL’occhio vuol la parte sua — Ingl. The eye must be pleased.
Ol bel al piàs a töćIl bello piace a tutti.
Ol colùr rós al fa ardà e ’l colùr ismórt al fa inamoràIl colorito rosso fa guardare ed il colorito smorto fa innamorare.
Ol rós per forsa al düra de l’ös a la portaIl rosso per forza dura dall’uscio alla porta — cioè pochissimo.
Quando s’è belèć, nó s’è gna poarèćChi è bello non è povero — Delle donne diciamo: Chi nas bela, nas maridadaChi nasce bella, nasce maritata. V. Donna, matrimonio.
Tèra nigra fa bu frötTerra nera dà buon frutto — Dicesi delle brunette, e di loro si dice anche: Il bruno il bel non toglie, anzi accresce le voglie. Anche le brunette spagnuole si consolano dicendo: En la tierra morenita nace bien el perejil.
Vàrdet di segnàćGuardati da’ segnati — poichè Niun segnato da Dio non fu mai buono, Non fu mai guercio di malizia netto. Come correttivo di questi proverbi citerò le seguenti parole: «Ma che! non è forse orribile il rincrudelire su quelle povere creature, rammentando loro ad ogni istante la loro disgrazia? Non è questa forse la causa per cui alcuni di essi,