Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

41
Scarpa grossa paga quela menüdaScarpa grossa paga quella fina — od anche
Scarpa grossa paga tötScarpa grossa paga tutto.
Ü ’l fa la panada, e ün óter al la magiaUno fa la panata e un altro se la mangia — È lo stesso che dire: Uno semina e un altro raccoglie; Uno leva la lepre e un altro la piglia.


CONFORTI NE’ MALI.


Al gh’è reméde a töt fò che a l’os del colA tutto c’è rimedio fuorchè alla morte.
Dio vede. Dio proéde.
Dré l’ bröt tép al vé ’l seré, o come scrisse l’Assonica:
Passàt ol mal tép al vé ’l bu; e
Dré a öna val al vé una costa;
Dré a ü dòs al vé ü badòs — Tutti equivalgono al toscano: Dopo il cattivo ne viene il buono. Post nubila Phœbus.
Dü mal al na ’é ü béD’un male nasce un bene.
Fina che s’ la pöl cöntà töt è negótÈ buona quando si può contare (Tosc.).
La cansolassiù d’ü disperàt l’è de èden ün óterLa consolazione di un disperato è di vederne un altro — Gli antichi dicevano: Commune naufragium omnibus solatium; ed è nella bocca di tutti: Solatium miseri socios habere penantes. Voltaire scrisse: On prétend qu’on en est moins matheureux quand on ne l’est pas seul.