Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
48
Tira e pò mulàStiracchiare e poi cedere — Si ha da procurar di guadagnare il più che si può, ma non si deve mai tralasciar di vendere quando si guadagna; bisogna vivere e lasciar vivere. Franco Sacchetti, nella XVI novella, narra che «a Siena fu già un ricco cittadino, il quale venendo a morte, ed avendo un figliuolo gli fece tre comandamenti, il secondo de’ quali è che quando egli avesse comprato una mercanzia, o altra cosa, ed egli ne potesse guadagnare, che egli pigliasse quel guadagno, e lasciasse guadagnare ad un altro.»
Vilàn crida, vilàn paga — Vuol significare che lo scortese, il villano che sempre si lamenta del prezzo di robe o servigi, finisce col pagar più degli altri.


COSCIENZA, CASTIGO DEI FALLI.


A l’è régola cativa che l’om speci ’l perdù no temi ’l laz;

     Perchè, chi andès via semper coi mülzini,
     Rüini nassiràf e pò rüini.

Così il nostro Assonica tradusse i seguenti versi della Gerusalemme liberata:

          . . . . Non è la disciplina intera,
          Ov’uom perdono e non castigo aspetti,
          Cade ogni regno, e ruinosa è senza
          La base del timor ogni clemenza.

Questi versi dovrebbero essere oggidì più che mai ripetuti, parendomi che ci sia troppa tendenza a cercar ragioni, e cavilli, per scemare la responsabilità delle azioni malvage.

Chi a fać ol mal, faghe a’ la penitensaChi ha fatto il male, faccia anche la penitenza;
Chi romp, paga — e in modo basso:
Chi la fa, la majaChi la fa, la mangia — Chi imbratta, spazzi (Tosc.).