Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
64
L’öć del padrù ingrassa ’l caàlL’occhio del padrone ingrassa il cavallo — ed i Toscani dicono ancora: Il piè del padrone ingrassa il campo; perciò lo Spagnuolo: Hacienda, tu dueño te vea.
Maladèt ol sold che pregiüdica ’l dücàtTristo a quel soldo che pregiudica il ducato — Tristo quel risparmio che poi obbliga a maggiore spesa.
No gh’è caagna róta eiie no vale a’ mò ergótaNon c’è paniera rotta che non valga ancor qualche cosa — e
Ogne stras caàgn al vé bu öna olta a l’anOgni paniere s’adopera una volta all’anno — Diciamo anche:
Töte i ròbe i vé a tai, fina i onge d’ pelà l’ aiTutte le cose vengono a taglio, perfino le unghie per pelar l’aglio — Questi tre proverbj si riassumono dicendo:
Al vé bu töt a sto mondTutto può tornarci opportuno a questo mondo — Dicono perciò saviamente i Toscani: Metti la roba in un cantone, che viene tempo ch’ella ha stagione.
Ol prim risparmiàt, l’è ’l prim guadegnàtLo sparagno è il primo guadagno.
Öna laada, öna früada (öna scarpada o öna slisada) — Si dice per denotare che i panni lavandoli, si logorano. Le lavandaje toscane: Se l’inbianco, gli è onor mio; se ti rompo, non l’ho fatto io.
Pa, vi e sòche, e se ’l völ fiocà che ’l fiòchePane, vino e ceppi, e se vuol nevicare, nevichi — Provvediamo la casa del necessario e non diamoci pensiero dell’inverno.
Per indà ’n malura al ga öl miga di misérieV. Parsimonia.
Quel che gh’ völ, a gh’ völQuel che ci va