Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/66

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
66
A pensà mal s’isbaglia de rarChi pensa male sbaglia di rado.
A s’è töć sogèé a falàSi è tutti soggetti a fallare — perchè
A sto mond as’ fala töćA questo mondo tutti sbagliano.
A s’gh’à töć vergótSi ha tutti qualche menda;
Töć as’ peca ’n vergótTutti peccano in qualche cosa — e
Chi pèca ’n barba, chi pèca ’n barbîsChi pecca in barba, chi pecca in baffi — tanto che
I fala a’ i préć a dì messaSbaglia il prete all’altare (Tosc.) — non solo, ma eziandio
I sanć i fala sèt volte al déIl giusto cade sette volte al giorno — e questa è sentenza di Salomone. Infatti
Nó gh’è che ’l Signùr che nó fala mai — Iddio solo è infallibile — almeno così la pensavano i nostri vecchi. Però se
Ol falà l’è de om, ol seguità l’è de diaolIl fallare è da uomini, il perseverare da demonj.
Bisogna ardà de no comensà a fa di cojonadeBisogna guardarsi dal cominciare a far degli errori — e
Bisogna ardà de no falà ’l prim basèlBisogna guardarsi dal fallare il primo gradino — perchè
Falàt ol prim basèl, s’è ’n fond a la scalaFallato il primo gradino, si è in fondo alla scala. Abissus abissum invocat.
Fam indöì che t’ farò récFammi indovino, ti farò ricco — e
Se ghe fös ön indöì, no ’l saràf mai piò meschìSe ci fosse un indovino, non sarebbe