Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74
di parole che offendano, e nelle quali andando innanzi vien sempre fatto di rincarare.


FELICITÀ, INFELICITÀ.


«Ciò che rende l’uomo felice sulla terra è la pace dell’anima, non le ricchezze; quella pace che non si acquista nè con gemme nè con oro, ma con la virtù.»

(P. Pacini, Amore e dote).

As’ conòs ol bé quand as’ l’à perdìt (Ang.) Si conosce il bene quando se lo ha perduto — Veramente, L’asino non conosce la coda, se non quando non l’ha più (Tosc.).
A sto mond no gh’è nigù de eontéćIn questo mondo nessuno è contento. V. Contentarsi del proprio stato.
A üsàs bé as’ fa prest, ma a üsàs mal si stantaAd assuefarsi bene si fa presto, ma si stanta ad assuefarsi al male — e
Quando s’è stać üsàć bé, s’istanta a üsàs malV. Abitudini, usanze.
Gram quel osèl che nas in catìa valTristo a quell’uccello che nasce in cattiva valle (Tosc.) — perchè la carità del loco natio gli impedisce di cercare cielo meno maligno.
I è miga i solć che fa felice a sto mondNon sono i denari che fanno felice a questo mondo. — Questo proverbio, che si dice una volta per ogni cento volte che si ripetono quelli che magnificano il denaro, racchiude un prezioso insegnamento. La felicità vera non istà nel denaro, perchè di esso gli uomini si valgono più sovente per soddisfare a passioni vili, anzichè a compiere belle azioni. Non lasciamoci mai andare a sentire invidia per le ricchezze scompagnate da virtù;