Pagina:Regola di S. Agostino per le monache di Santa Caterina della rosa.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


rZ Della modeftia in generale. Cap.ll. fi j f obliarli» nel toccarlì,nel mirarli, nel giacer'in letto corn* ila mente , do uè hauranno per vfo di tenere le braccia in_, croce innanzi al petto , nè fi dormirà fenza camifeia, nè feo- pcrto per riuerenza di Dio, clic vede per tutto, & dell’Ange¬ lo Cuitode , che ti alfille . Lo fpogliare, & veflirealmeno delle velli interiori lo farà allo feuro , nè li lafciarà inai vedere fe non veilita di tutto punto. Non lì lauarà il vifo, fe non con acqu£ femplice , le mani poi per leuar le fordidezze fi pollonolauare col fapone fem- plice, ò con femola, & fi prohibifee ogni forte di odori, &c di compolìtioni, fc non in calo d'infermità per rimedio . Le Veili fi porta-ranno compollamente , ma fenza afìetta- tione, & fi ha da guardare laMonacha dal porre troppo cura nel veflire, e daU'hauerne compiacenza molirando più toilo vna modella iprezzatura. Non portarà in mano fiori, nè altro , eccetto, che la Coro¬ na ,1’OiIitio, tic qualche libro fpirituale, nelli quali anco deue feorgerfi la modellia,nè fi deue portare in ditoanello di qual¬ fiuoglia forte, nè vfar' altre vanità . Sempre che s’incontrano fi falutaranno,& febene la mino¬ re deue ellere la prima a falutare la maggiore, nondinemo l'humiltà, che è compagna della modellia, richiede, che ogn’ vna procuri di preuenire la compagna. Nel lalutarfi l’vna l’altra s'inchinarà folo modellamente la tefta fenza parlare, & fenza fare altro fegno nè con gli occhi nè con le maai, nè con altra parte . Alla Madre Priora s’inchinarà vn poco più, che all’altre la tella, per riuerenza fi fermarà vn poco finche palli, il chc oflcruaranno Je Nouitienon folo con la Madre Priora, ma an¬ co con la Maellra, & con tutte l’altre Monache. Quando fi parla, fi camina, fi fiede in compagnia, come F nel