Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ALLA VENETIANA. 165

Passo le notte de dolcezza piene
Se ben la pioza, e'l vento
Me vien tal volta drento
A refrescar l'amor soura le rene.
Notte care, è serene
Caro luogo amoroso
Beltà celeste in pouera schiauina,
Toia vn letto pomposo
Che hà dentro vna gabrina
Che fa in lu quel effetto vn viso d'orca
Che in bella chebba vna gazuola sporca.

In stà cha benedetta, e luminosa
Viue mia cara, e d'Amor bella, e strazzosa,
Strazzosa riccamente
Che con pi strazze e manco drappi ha intorno
Pi se descroue i bianchi
E verzelai so fianchi,
Come è pi bel con manco niole e'l zorno.
Habito troppo adorno
Sora perle, e rubini
Sora beltà che supera zascuna,
Qual se fra do camini
S'inbauara la Luna
Che luxe in mezzo, tal splende la fazza
E i razzi de costiè fra strazza e strazza.

A tal beltà ste strazze ghe besogna