Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
166 CANZONE

Che non se die stroparla,
S'hà da crouir de drappi vna' carogna
Che stomega a vardarla,
Ma quella vita in st'habito resplende
Senza industria è senz'arte
Massizza in ogni parte
Che ne calze, ne velli el bel contende,
Carne bianche, e stupende
Al ciel nude è scouerte
Per pompa de natura pouerette,
Andè in sto muodo auerte
Vn collo, spalle, e tette,
Che non se taia vn'vanto ou'è l'annello
Se non perche è pi bel questo, che quello.

Che drappi porria mai se i fosse d'oro
Courir si bei colori
Ch'ino fosse leame s'vn tesoro?
Vn fango sora i fiori?
Va pur cosi che sta vmiltà te in'alza
Va poueretta altiera,
Cusi co i pie per terra
Che ti è pi bella quanto pi descalza,
Come el ciel me strabalza
A vna bellezza estrema
In vna cha che no gh'è dò scudelle,
Prouidenza suprema
Del cielo, è delle stelle