Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/166

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ALLA VENETIANA 167

Che xe andà à cattar fuora do despersi,
Per vnir le sò strazze co i miei versi.

Strazze mie care oue ho reuolto e l cuor
Dolce strazze amorose
Fenestre delle gracie, occhi de amor.
Strazze fodrae de riose
Che se vede spontar tta lista, è lista,
Fuora de quei sbregoni
Quattro dea de galloni
Che traze lampi che ti tiol'la vista,
Fia mia chi no t'hà vista
Xe vn homo mezzo viuo
Chi te vede e no muor xe vn' mezo morto,
E mi che te descriuo
So che te fazzo torto,
Che te toio la gloria, e te defraudo
E te strenzo l'honor, pi che te laudo.

Podess'io pur con dar della mia vita
Trouar pi lengua à vsura
Che la mia sola à una beltà infinita,
Xe pizola mesura.
Sò che no digo niente à quel che lasso
Ma quel poco che intendo,
El mesuro e comprendo
Cò se mesura e'l ciel con vn compasso.
In sta bellezza passo
La mia vita contenta