Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
168 CANZONE

Che troua salda fede in strazze rotte,
Non hò chi me tormenta
Ne l zorno, ne la notte
Che xe vn voler, è vn'anema in do petti
Cosi co ghe n'e molti in pochi letti

Cerche Donne d hauer laghi de pianto
Reffoli de sospiri,
E sempre inanti exerciti de Amanti.
Cerchè noui martiri
Nutriue cento diauoli inte iocchi
Che tenta i cuor contritti,
Cerchè che mille afflitti,
Ve se vegna à buttar morti in zenocchi,
Amor sti me infenocchi
Mai pi, frizime allora
Che t'apparecchio la farina, e l'Oio
Questa è la mia Signora
Lie me vol, mi la voio,
Non ho quà da rabbiar, ni da instizzarme,
Chi vol guerra d'Amor se metta in arme.

Canzon mia repezzà
Sti è per sorte represa e ti reprendi
Chi te reprenderà,
Mostra che ti la intendi;
E di che sti no hà drappi de veluo
Che quel che è Dio d'Amor va nuo per nuo.