Pagina:Rimes Ladines.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 17 —

In mèz al bósc olá quʼ ël è na crůge
— Segů na gran mervo̊ia tʼ tè bůr lůš —
Devë́nta quël aorósc na cógora,
Quě sálta con šešůr teríbl ia e ca
Per strada dlon bolan insciquʼ zacá
Mʼ orès fa tëma dʼ quī quʼ gian të́sora1.

Avísa insciquʼ an vèga l vënt gonót
Fagean rodé tě strada l stůp, spó tʼ n bót
Va důt in fům quʼ vignůn digès quʼ ël fòs
Na níora, no atramë́nter róda şëgn
Incër mi corp la bála e dà bůr sëgn
Per ůn quʼ è scialdi rī e nʼ ó èster pròs.

Inscí quʼ an tira n salt, scʼ an pësta sů
Na bisca, sálti ʼ chʼ iů sů in alt sperdů
Dal movimënt quʼ fageô la bála cër
Mī piš saltan dě sòt, dě sůra sů,
Da vígni pért; quʼ iʼ fòssa sté mordů
Podóven crëie e segů no půc mo dër.


Tali animali, senza pero tema
Mostrar ch’io il calpestassi. Era
il suo fare
Qual d’un pastor che lunge vuol
dal fango
Il suo gregge tenere. ~ In mezzo
al bosco,
La ove sta eretta, e bene a meraviglia
Per luoghi si orridi, una croce,
il rospo
Una palla diventa, che rombando
Con terribil rumore in sulla
strada
Balza di qua e di la come se
fosse
Un masnadier che incuter vuol
spavento.
Come talor si vede in sulla via
Di polve un nembo sollevarsi in
alto
E veloce volare in ratti giri
Via trascinato da furioso vento,
Non men violenta a me dintorno
gira
Or quella palla e da ben brutti
segni
Per un che reo si sente e il
bene ha in odio.
E mentre colto da timor vo salti
Spiccando in alto come se una
serpe

Avessi calpestato2 , a un tratto veggo
  1. rubare.
  2. Versione alquanto abbreviate.