Pagina:Rivista di Scienza - Vol. II.djvu/195

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ANALISI CRITICHE E RASSEGNE.


Harald Höffding - Histoire de la Philosophie moderne. Paris, F. Alcan, 1900. — Storia della filosofia moderna. Torino. Bocca, 1906.

L’opera del filosofo della Danimarca, tradotta in italiano e in francese, varrà a diffondere nei paesi latini un maggiore interesse per la storia del pensiero. E perciò salutiamo la traduzione con vivo compiacimento.

Quanto al contenuto di questo lavoro poderoso, diremo che esso abbraccia: la descrizione a larghi tratti dei grandi sistemi metafisici riavvicinati alle origini della Scienza moderna, il movimento dei valori etici e religiosi, il dibattito dei problemi gnoseologici, la pittura dei caratteri più salienti che costituiscono la personalità di un pensatore e conferiscono ad una tendenza speculativa un particolare significato psicologico. Tutto ciò è congiunto, e fin dove è possibile armonizzato, in una vasta sintesi, che rivela ad un tempo la grande erudizione dell’A., il suo giudizio sereno, le sue singolari facoltà d’intuizione.

Lo Höffding ha voluto ricostruire la Filosofia, nel senso classico della parola, e qualunque veduta si possa avere intorno all' oggetto o al significato di quella, l’opera che abbiamo dinnanzi ha per noi questo interesse particolare: essa rappresenta, fissato in un largo quadro, il concetto, comune in una certa misura ad una classe di pensatori, i quali, per ragioni di tradizione e di insegnamento, si contraddistinguono specialmente col nome di filosofi.

La circostanza che l’A. acceda in gran parte alle vedute del positivismo, le simpatie ben giustificate ch’egli dimostra al rinascimento italiano e alla più moderna speculazione inglese, il valore che attribuisce alla Scienza come fattore dello sviluppo