Pagina:Rivista italiana di numismatica 1888.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

bibliografia 113

Vienne (M. de).Établissement et affaiblissement de la livre de compie. — Vasto stadio economico, che si rannoda ad un lavoro pubblicato lo scorso anno dal medesimo autore: Origines de la Livre d’argent.

Rondot (N.)Claude Warin, graveur et médailleur, 1630-1654, — La fama di Giovanni Warin, incisore generale delle monete di Francia, ha oscurato ed assorbito anche l’opera ed il nome di vari suoi omonimi, i quali furono pure i veri autori di più medaglioni e gettoni che a lui si attribuiscono.

Col sussidio dei documenti, ed esaminando le firme autografe conservate nei registri della Corte delle monete e negli atti degli archivi, il sig. Bondot mette anzitutto in chiaro l’esistenza di un secondo Giovanni Warin, e di un Francesco Warin, ch’era figlio del primo Giovanni Warin e gli succedette nel posto d’incisore generale.

Ciò premesso, egli passa a ragionare diffusamente di un altro artista, Claudio Warin, incisore e più particolarmente medaglista, dimostrando che a lui si devono attribuire molti lavori di cui si ritenne sino ad oggi autore il celebre Giovanni Warin, e, fra gli altri, gli undici medaglioni posseduti dal Museo Britannico, colla effigie di personaggi inglesi. A proposito di questi medaglioni, che si supponevano eseguiti da Giovanni Warin durante un soggiorno, forse ripetuto, a Londra, il sig. Rondot, basandosi su varie date biografiche, stabilisce per così dire un alibi che ne rende inverosimile l’esecuzione da parte del famoso medaglista, anche prescindendo dai validi argomenti d’indole tecnica ed artistica che l’autore fa seguire per dimostrare che essi non sono opera di Giovanni ma bensì appunto del Claudio Warin da lui rivelato.

Cronaca. — Necrologie. — Bibliografia.

Dieci tavole d’illustrazioni.

Annuaire de la Societé Française de Numismatique et D’Archéologie. — T. douzième, année 1888, Janvier-Février (Paris, au siège de la Société de Numismatique).

Oreschnikow (A.)Nouvel essai de chronologie des monnaies d’Asandre. — Il numismatico russo discute le opi-