Pagina:Rivista italiana di numismatica 1888.djvu/447

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
408 francesco ed ercole gnecchi


R/ — Croce CONRAD • R • ROMANOR • C • CHII Rosetta.
Castello colle tre torri, sormontato dall’aquila; dietro questa la Croce, come in quelli pubblicati alla Tavola I, n. 11, ma di conio diverso.

(Tav. IX, N. 10).


11. Grosso c. s. (gr. 3,600).

D/ — Tre punti REX • FRANCIE • DNVS • IANVE Quattro punti.
Il re coronato c. s.

R/ — Come il precedente.

Altra varietà da quelli pubblicati alla Tav. I, n. 11.

(Tav. IX, N. 11).


Come abbiamo più suaccennato, colla pubblicazione di questa nuova serie di monete che crediamo esauriscano o quasi quelle rinvenute nel ripostiglio di Siderunda, ci pare che qualunque dubbio sull’autenticità di esse debba essere scomparso. Che se mai alcuno vi persistesse, non potrebbe farci cosa più grata che esponendoci con tutta franchezza le proprie ragioni. Se mai tali ragioni fossero buone al punto da provare che noi siamo in errore, ebbene noi non ci terremo per questo disonorati... neanche numismaticamente! Non saremmo certo i primi che hanno dato per buona una moneta falsa, né saremo gli ultimi, e ci troveremo anzi in buonissima compagnia, cominciando dal Muratori e dallo Zanetti fino al Mionnet, al Barone d’Ailly, che descrisse i famosi denari reali dell’antica Roma, e a tanti distinti numismatici viventi che ommettiamo.... per brevità.

È solo chi non fa nulla o non dice nulla che non si trova mai in pericolo di sbagliare. Chiunque fa o scrive è esposto ad errare, e noi preferiamo stare coi secondi piuttosto che coi primi. Col che però non