Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

alcune monete inedite di magna grecia 141

si pensò così adornare l’immagine dell’animale, che, siccome simbolo della forza che rende produttiva la terra, raffigurava quasi la τύχη πόλεως, la prosperità sibarita. Il nostro didramma ed altre due monete di Sibari1 esprimono, a parer nostro, una idea medesima. La prima di queste ha per tutta epigrafe il vanto NGreek Sigma Z-shaped.svgKA; l’altra, col ramo d’alloro, simboleggia eziandio la vittoria, il trionfo. Ora è così naturale ripetere un nome, o come augurio in una lotta aspramente combattuta o come felicitazione di vittoria riportata, che ne pare verisimile fosse la nostra moneta coniata ne’ tripudii di un trionfo, e che Metaponto, partecipe della lotta, esprimesse a quella stessa maniera il suo gaudio, in pari tempo affermando la sua confederazione con Sibari. Questo è almeno certo, che tale simiglianza di un tipo affatto inusitato è prova d’un intimo rapporto fra le due monete, il quale, del resto, trova ampia conferma nelle relazioni ch’ebbero nel VI secolo a. C. le città che le coniarono.

Di confederazione Sibarita ho anzi veduto, non ha guari, un bellissimo ed anche strano esempio su moneta posseduta dal sig. Evans2. In essa è uno scambio di tipi e leggende; il MV fiancheggia il tripode crotonese, il ΟEtruscanR-01.svgϘ è sottoposto al bove retrospiciente di Sibari. Non si poteva più efficacemente esprimere il sincero accordo delle due città, se non accennando, cosi, come la fusione amorevole de’ due popoli, la cui gloria comune assicuravano le armi concordi.


  1. L. Sambon, Recherches, ecc. tav. XIX, N.° 1. Id. pag. 293, N.° 4.
  2. Cfr. Garrucci, tav. CIX, N.° 1.