Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/432

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
380 ercole gnecchi


Infatti troviamo spesso nei bandi e nelle gride del tempo, queste monete continuamente ridotte di valore, e poi mano mano bandite completamente dal commercio, colla minaccia di pene severissime ai loro fabbricatori e detentori.

Ecco ora la descrizione dell’altro ducato, di cui ho fatto cenno testé:


Rivista italiana di numismatica 1891 p 432.jpg


Peso gr. 3,320.
D/ — In un quadrato ornato di fregi, in quattro righe :

NON • TIM(eo) — MALA • QVI(a) — TV • DOMI(ne) — MECVM ES •

R/VIRTVS • VNITA FORTIOR • ES •

Guerriero armato e galeato, volto a destra. Tiene nella destra impugnata la spada, e nella sinistra un fascio di spighe.

Il tipo di questo ducato anonimo è identico a quello del ducato di Maccagno sopradescritto. Alla leggenda del dritto, che conteneva il nome del Mandelli e quello della zecca , fu sostituito un motto; nel rovescio, furono conservate la rappresentazione e la leggenda ; fu però omessa la data , e ciò forse per togliere ogni traccia, che potesse dar qualche indizio sulla provenienza della moneta.

I due motti, che noi vediamo su questo ducato, non sono nuovi nelle monete italiane contraffatte a tipi esteri, D. Promis, nella sua bella monografia