Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/447

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


BIBLIOGRAFIA




LIBRI NUOVI.


Tavole descrittive delle monete della Zecca di Genova dal MCXXXIX al MDCCCXIV. Genova, Tip. del R. Ist. Sordo-muti, MDCCCXC. — Un vol. in 4° di pag. LXXII-319, con otto tav. lit. – (Estr. dagli Atti della Società Ligure di Storia Patria, vol. XXII).


Questa pubblicazione, che gli studiosi attendevano da lungo tempo, è il frutto di un lavoro collettivo , al quale presero parte diversi soci della benemerita Società genovese di Storia patria, e che fu iniziato dal compianto Avv. Gaetano Avignone, autore delle Medaglie de’ Liguri e della Liguria.

Egli, nel gettarne le fondamenta, si era proposto ad esempio la notissima opera del Cinagli sulle monete dei Papi, e questa è rimasta sostanzialmente il tipo cui s’informano le Tavole descrittive genovesi.

Senonchè, la collaborazione dei ch. Cornelio Desimoni, L. T. Belgrano e G. Ruggero, come pure di altri distinti scienziati, modificò sotto vari aspetti il piano primitivo del libro, aggiungendovi elementi e curando particolari che non trovano riscontro nel Cinagli, e che danno a queste Tavole un carattere proprio, talché la rispondenza si riduce, per cosi dire, alla sola disposizione materiale. Basterà infatti il ricordare la importantissima prefazione del Desimoni, ch’è un vero compendio della numismatica genovese; — l’elenco delle sigle dei soprastanti alla zecca, compilato dal Belgrano e da lui postillato in base ai registri ed ai documenti; — le sette tavole di monete disegnate accuratissi-