Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/599

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notizie varie 541

Nuovi doni al Gabinetto Numismatico di Brera. — Dal Conservatore del Medagliere Nazionale riceviamo la seguente comunicazione :

«Anche nel corrente anno 1891 non sono mancati i doni a questo Gabinetto Numismatico, come risulta dall’elenco che qui si unisce, rendendo pubbliche grazie ai generosi donatori.

Dal Sig. William M. M. Day, due monete inglesi d’argento, coniate per il giubileo di S. M. la Regina Vittoria.

Dal Sig. Francesco Davegno, undici monete ispano-americane.

Dal Sig. Giovanni Cassina, una medaglia.

Dal Sig. Edmondo Benvenuti, una tessera moderna.

Dal Sig. Pompeo Monti, una moneta di Bagusa ed una moneta orientale.

Dal Sig. Dott. Giuseppe Bosso, un megidi di Mohamed Ahmed el Mahdi (il falso profeta).

Dal Sig. Alessandro Cornelio, un medio bronzo del Basso Impero.

Dal Sig. Benedetto Valtolina, due monete romane.

Dal Sig. Cav. Francesco Gnecchi, due monete greche di Tranquillina e 100 piombi romani.

Dal Sig. Cav. Ercole Gnecchi, un luigino di Campi e otto altri pregevoli luigini di tipo muliebre, con leggende svariate. Inoltre buon numero di monete greche, romane, orientali, italiane medioevali, nonché diverse medaglie, un sigillo, ecc.

Da un anonimo (già resosi più volte benemerito), una prova in bronzo dello scudo-medaglia della Repubblica Romana (cfr. Catal. Rossi); tredici monete austriache d’argento, a fior di conio, battute in Milano ; varie monete delle repubbliche dell’America Centrale, molte prove di zecca di diversi paesi, altre monete, tessere, ecc.

Da un altro anonimo, una serie d’interessanti contraffazioni uscite da zecche minori italiane.

Varii donatori accrebbero infine, a scopo di studio, la raccolta delle falsificazioni che si conserva dal Gabinetto per gli opportuni raffronti. »