Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 emilio tagliabue

dovevan pubblicare il corso delle monete. Tale corso restava sino alla nuova grida.

Gli Statuti Vallerani dicevano infatti:


CAP. 40 PER LA GRIDA DELLA FERA DI S.to GALLO.


“LX Item è Statuito che ogni Año alla Fera di S.to Gallo il Magistrato deve far cridar il prezzo del danaro e secondo la crida deve gouernarsi e occorendo in detta Fera qualche caso Civile li Signori Giudici di tutte quatro le Squadre, che vi si troueranno devono concorrere al giuditio e non in altro modo”1.

Quest’uso si conservò sin all’introduzione nei Grigioni del sistema monetario decimale.

Diamo una di queste tariffe, togliendola da un libercolo d’interesse locale2, ed ora quasi irreperibile. Essa è relativamente recente; servirà però a far conoscere il valore che aveva la lira Mesolcinese nel nostro secolo.

Come si vedrà, sono in questa tariffa elencate molte monete estere; ma giova notare che la Valle, mettendo al S. Bernardino, serviva di transito al commercio internazionale e che gran parte degli abitanti emigravano o in cerca di lavoro o al servizio militare, per cui i più svariati tipi di monete avevano corso nella Mesolcina.


  1. Legge civile e criminale Mesolcinese dell’anno 1645 mss. del secolo XVII presso noi. Codice cartaceo
  2. Il Mesolcinese — Giornaliere statistico — Manuale periodico. Per l’anno della Salute 1837. — Lugano, 183G, Tip. Veludini, — vi si trova un calendario e l’elenco di tutti gli officiali e magistrati della Mesolcina, alcuni buoni precetti agrari e delle Profezie e dei segreti che ci fan dubitare l’autore fosse un mattoide. Eccone una: “Figlio dell’uomo che vedi tu? Un leone ferito a morte ruggisce orrendamente per la foresta. Un altro colpo ha atterrato più migliaia d’insetti. Fra questo l’ancora ha rotto il canape; la pietra già tante volte dai Muratori ripudiata e divenuta fondamentale. E fortunato chi avrà intese in cuor suo tutte le parole di questa profezia.” Confessiamo la nostra ignoranza, non ne abbiamo compreso una jota.