Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/512

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
488 umberto rossi

santur et sigillantur in Mediolano, et hoc cura balanziis et campionibus iustis et bonis ad rectum pensum Mediolani, et potestas Regii deputet unum ex iudicibus et collateralibus suis ad inquirendum cum diligentia si balanzie et campioni sunt iusti et qui procedat contra quoscumque quos inveniet contrafecisse et eos condempnet iuxta ordinem qui dabitur super hoc per potestatem, refferendarium et deputatos super intratas Regii, et qui floreni expendantur ut expenduntur in Mediolano, videlicet:

" Primo. Floreni fiorentini, januensis, papinus, ducatus mediolanensis, papiensis bonus pro bono S. xxxij.

" Item florenus florentinus de medio grano S. xxxj den. viiij.

" Item florenus florentinus de uno grano S. xxxj den. vj.

" Item florenus savonensis bonus S. xxxj den. vj.

" Item florenus savonensis de medio grano S. xxxj den. iij.

(fuori)

" Nobili viro potestati, refferendario et deputatis super intratis nostris Regii "1 .

Sembra da questo documento che i fiorini di Savona fossero di minor bontà degli altri, e il popolo ne era tanto persuaso che non voleva riceverli: due anni prima si era dovuto fare una grida con cui si minacciavano multe severe a chi avesse osato dire che i suddetti fiorini non eran buoni e non li avesse accettati secondo la tariffa2.

La seconda è una grida con cui Barnabò abbassa il corso dei grossi e sesini:

  1. Archivio comunale di Reggio. Provvigioni ad annum.
  2. Arch. sudd. Provvigioni, 1372, 28 ottobre.