Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

documenti visconteo-sforzeschi, ecc. 195

Genovino d'oro, lire 1, ss. 10.
Ducato d’oro, lire 1, ss. 10.
Fiorino, lire 1, ss. 9, den. 9.
Ambrosino, lire 1, ss. 9, den. 9.
Genovino, lire 1, ss. 9, den. 9.
Ducato, lire 1, ss. 9, den. 9.
Ambrosino novo grosso d’argento, lire 0, ss. 2.
» » grossi d’argento, lire 0, ss. 1, d. 9.

Turonesi grossi d’argento in peso di den. 2, lire 0, ss. 1, d. 2.
Imperiali piccioli di Milano, vecchi e novi, di Piacenza, Provenza e di Asti di buona liga vecchia, di giusto peso, come gli Ambrosini novi piccioli di Milano. Lire 0, ss. 1.

4. — 1328, ottobre 131, Milano. — Privilegio conceduto dal conte di Maresteten, vicario imperiale, in favore degli zecchieri di Milano [Statuti degli zecchieri milanesi, Milano, in fol. s. a. — Argelati, De Monetis Italiae, vol. II, p. 261. — Giulini, Memorie, 2* ediz., vol. VII, p. 205, 211]2.

Ivi è pure riprodotto il diploma di Enrico VII, re dei Romani, dell’11 ottobre 1311, circa il regolamento e i privilegi delle zecche d’Italia. Per il consorzio dei monetarii e zecchieri veggansi: Chaponnière, De l’institution des ouvriers monnayeurs du Saint Romain Empire et de leurs parlements [" Mémoires de la Soc. d’histoire de Genève», t. II, 1843], e Perrin, De l’association des monnayeurs du Saint Empire romain et des ateliers de Piémont qui en firent partie [«Miscellanea di Storia" italiana», vol. XIII, 1873]3.

5. — 1329, luglio 12, Pavia. — Privilegio dell’imperatore Luigi il Bavaro ai monetarii di Pavia [Ambrosiana, Codice E. S. VI, 13 fol. 146 t.].

  1. Nel Codice Ambrosiano E. S. VI, 13 fol., 146 t., è indicata la data: 26 luglio 1323.
  2. Per zecchieri di Milano d’epoca precedente, cfr. Giulini all’indice generale della sua Storia, Brambilla, Monete di Pavia, 23, 182, 185; Biondelli a prefazione delle “Monete di Milano„ dei Gnecchi, p. XLIV e il “Codex diplomaticus Langobardiae p. 1881 (Glossario: Monetarius)
  3. A p. 452, sotto l’a. 1414 figura un Franciscus de Rigmello de Mediolano fra gli zecchieri di Torino, Per un milanese a Losanna cfr. avanti al n. 49.