Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/227

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
196 emilio motta

6. — 1329-1389. — Monete di Azzone Visconti coniate in Milano, Como e Cremona [Serie in Gnecchi, Le Monete di Milano, p. 31-32].

7. — 1336, febbraio 19, Milano. — Lettere patenti di Azzone Visconti, concesse ad Alessandrolo Nicolino e Leone, fratelli de Monto di Como, monetarii in Italia, per esenzioni ed immunità nella città di Como, a seconda del privilegio imperiale, 1334, 29 maggio [Ambrosiana, Cod. E. S. VI, 13 fol. 9 t., 91].

Conferme viscontee in data 30 agosto 1341 e 1364.

8. — 1339-1349. — Monete di Luchino e Giovanni Visconti, signori di Milano [Serie in Gnecchi, op. cit., p. 33-35, e in " Riv. numism., I, 1893, p. 55. Cfr. anche Giulini, Memorie, 2* ediz. vol. V, 346, 389].

9. — 1349-1354. — Serie delle monete coniate dall’arcivescovo Giovanni Visconti, signore di Milano [Gnecchi, op. cit., p. 35-36].

10. — 1350 luglio 9, Milano. - Lettera del Vicario di Borgo S. Donnino a quella Comunità per la taglia impostale per la coniazione dei denari imperiali nella zecca di Milano [Zanetti, Monete d’Italia, t. V, Bologna 1789, p. 81].

„ Cum per Comune Mediolani ob necessitatem Monete minute que erat et est in Civitate Mediolani et aliis Civitatibus et terris dominio prefati Domini nostri subditis, disposuerit facere fieri, et fieri faciat Monetam Imperialium illius lige et bonitatis ut sunt Imperiales hactenus facti, et de ipsis sìnt facti circa Marchi sex mille per Magistrum Monete Mediolani: in quorum fabricatione in quolibet Marcho eorandem adest delucrum Imperialium XXIV, qui dicto Magistro per Commune nostrum et dieta alla Communia Civitatum et terrarum dominio prefati Domini nostri subditarum, prò quorum utilitate moneta predicta fabricata est et fabricatur dari debeat et restituì, et de dicto delucro Communi vestro Burgi Sancti Domnini secundum comparticionem per certos officiales prefati Domini et nostri Conimunis ad hoc deputatos talliati sint et impositi floreni tres et