Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
200 emilio motta

22. — 1374, febbraio 14, Milano. — Grida di Regina della Scala, moglie di Bernabò Visconti, sul peso e sul valore dei fiorini d’oro, inviata al podestà di Reggio [Rossi U., Gride relative al corso delle monete milanesi in Reggio di Emilia in Riv. numism. ital. IV, 1892, p. 487].

«Quod constituatur unus officialis ad ponderandum florenos, qui non sit campsor nec mercator, qui omnes florenos quos expendi continget in civitatibus et terris predictis, iuste et dilligenter penset et sigillet ut pensantur et sigillantur in Mediolane, et hoc cum balanziis et campionibus justis et bonis ad rectum pensum Mediolani.»

I fiorini da spendersi:

«Primo. Floreni florentini, januenses, papinus, ducatus mediolanensis, papiensis bonus prò bono S. xxxij.

Item florenus florentinus de medio grano S. xxxj den. viiij.

Item florenus florentinus de uno grano S. xxxj den. vj.

Item florenus savonensis bonus S. xxxj den. vj.

Item florenus savonensis de medio grano S. xxxj den. iij» 1.

23. — 1377, febbraio 2, Pavia. — . Lettere patenti del Conte di Virtù concesse a Bonaccorso degli Schiaffinati, monetario, ed agli officiali della moneta della città di Pavia [Ambrosiana, Cod. E. S. VI, 13 fol., 81 t.].

Altre consimili in data: Pavia, 4 settembre 1378.

24. — 1380, giugno 12, Pavia. — Lettere del Conte di Virtù responsive ai monetarii di Milano ed ordini dati " super fussinis operariorum eorum „ [Ambrosiana, Cod. E. S. VI, 13 fol., 174].

  1. Agg. il R. che il popolo convinto della minor bontà dei fiorini di Savona non voleva riceverli: due anni prima si era dovuto fare una grida con cui si minacciavano multe severe a chi avesse osato dire che i suddetti fiorini non erano buoni e non li avesse accettati secondo la tariffa.