Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/514

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

documenti visconteo-sforzeschi, ecc. 447
«Che non sia alcuna persona.... la qual olsa né presuma per alcuno modo directo nec per indirecto portare ne fare portare secretamente ne palesemente moneda alcuna in piccia né grande quantità doro né dargento né de rame false in Cremona, né in el territorio de dieta cita sotto pena de dece botte de corda; et anche de ducati doro cinquanta da fir (essere) applicati ala Camera ducale et più et mancho al arbitrio de coloro quali sopraciò serano deputati, ad chadauno che contrafarà a questa presente crida. Salvo se per aventura, si a altra moneta non falsa se trovasse qualche monede false, che non excedesse la summa de soldi XX, et se fosse doro non excedesse el numero de tri, in tal caso cessa le diete pene, e sia pena solamente per uno quatro et perdere tal monete false.
«Ancora non sia persona comò he dicto de sopra, che sotto le pene predicte ardischa né presuma secretamente, né palesemente acceptare nò tenere in casa de le predicte monede false senza notificatione ali predicti Spect.li Regulatori & Magistri o vero alli Officiali de la cercha la qual notificatione debia essere facta infra uno dì da la receptione de quelle altre monete».


197. — 1459, febbraio 8, Milano. — Lettera ducale che richiama l’osservanza delle gride monetarie e soggiunge che i novini e pegioni di Genova vecchi, essendo in bontà debita ed equivalente al corso delle monete ducali quali di presente sì fabbricano, così si possono spendere al modo usato non ostante che per le gride altramente si disponga [Arch. civ. di Como, Lett. ducali, vol. IX, fol. 88 t.].


198. — 1459, aprile 16, Milano. — Grazia fatta a Bernardo de’ Cavagnan di Cremona, fabbricatore di monete false, fabbricate "sub diversis impressionibus et formis „ e spese in più parti [Classe: Zecca].


199. — 1460, febbraio 28, Milano. — Grida che precisa il corso degli scudi di Francia, Asti, e Savoia [Reg. Panig., E. 184 t. — Bellati, Mss. citati].

«Non essendo facta alcuna mentione ne la Crida, se fece ne li dì passati.... quale corso debiano avere li scuti de Francia, di Ast, et di Savoya.... incominziando in Callende di marzo prox. et da lì ininti, li predicti scuti si spenderanno: