Pagina:Rivista italiana di numismatica 1894.djvu/265

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

bibliografia 253

Luigi Mainoni modenese, ecc. Ed anche di tutti questi artisti il Crespellani tien conto e ci dà particolareggiate notizie.

Come si potrà arguire da questo breve cenno, l’Autore ha procurato, col suo nuovo libro, di non lasciare nell’ombra nessun aspetto storico od artistico dell’argomento ch’egli aveva impreso a trattare; e nell’esecuzione di tal disegno ci ha fornito una nuova prova del suo acume nelle ricerche e della sua familiarità colla storia numismatica della sua diletta città nativa.

Ben a ragione, in omaggio appunto alla riconosciuta competenza del Cav. Crespellani, fu affidato recentemente a lui l’onorevole incarico di riordinare le monete e medaglie estensi e modenesi del celebre Museo già diretto da Cavedoni , e di esporle al pubblico nelle sale della R. Pinacoteca di Modena, riordinata pure con tanto plauso dal ch. Cav. Giulio Cantalamessa, e testè, nella festa dello Statuto, riaperta solennemente ai visitatori.

Solone Ambrosoli.




Engel (Arthur) et Serrure (Raymond), Traitè de Numismatique du Moyen Age. -- Tome deuxième. — Depuis la fin de l’èpoque carolingienne jusqu’à l’apparition du gros d’argent. — Paris, Leroux, 1894. – Un bel vol. in-8° gr., di 592 pag., con 813 illustr. nel testo).

Nel fasc. I–II, anno IV (1891), della presente Rivista, abbiamo annunciato la pubblicazione del primo volume di quest’opera in cui i Sigg. Engel e Sernire si propongono di esaminare partitamente e di riassumere, paese per paese, epoca per epoca, e come in altrettanti quadri, il vastissimo ed intricato argomento della Numismatica medioevale.

Abbiam detto come il primo volume contenesse un’ampia Introduzione, d’indole generale, che si iniziava con uno sguardo retrospettivo sugli studi di cui la Numismatica del Medio Evo è stata oggetto presso le varie nazioni. Nessuno avrebbe potuto dominare un così esteso campo bibliografico meglio degli Autori, i quali possedevano il duplice vantaggio, di avere già esaminato un numero