Pagina:Rosselli - Epulario, 1643.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

A   C V C I N A R E 8

[versione diplomatica]

con acqua chiara, & falla bollire, come è detto di ſopra nel ſecondo capitolo del bianco mangiare di carne de riſo, eccetto non metter brodo di carne.


A fare otto meneſtre de mandolata.

Togli due libre de mandole monde, e bianche, e piſtale molto bene, bagnandole ſpeſſo con acqua freſca com’è detto di ſopra accioche non facciano olio, & aggiungeli vna molica di pane bianco; e diſtempera ogni coſa con acqua freſca per la ſtamegna, e metti in vna pignata a bollire ſopra la braſia, & laſſala bollire, per vn’ottauo d’hora, & mettiui à bollire con dette mandole, vna libra di zuccaro fino. Et queſta mandolata vuol eſſer vn poco liquida ponendo vn poco d’acqua roſata, ſarebbe migliore, & mandale à tauola.


A far mineſtre de ſeme de Canapa.

Seguirai l’ordine del capitolo ſcritto; eccetto che non biſogna, che gli metti brodo di carne, ma pigliarai brodo di bizelli, ouer di peſce.


Per far Bizelli.

Potrai ſimilmente fare bizelli, con latte di mandole in tempo quatrageſimale, com’è detto di ſopra in queſto capitolo del bianco mangiare.


A fare Bizelli fritti.

Togli li bizelli con le ſcorze, come ſono, e fagli dare vn boglio, e togli di buon olio, e frigele vn poco, e poi metti gli detti bizelli à cocere, & poni vn poco d’agreſto, & vn poco de ſapa, ouer zuccaro.


A fare otto meneſtre di faua menata.

Togli della faua franta, & nettala molto bene, & lauala, & ponila al fuoco, & come leua il bollo, getta via quell’acqua, & metteui tanta altra acqua, che auanzi due dedi ſopra la faua, aggiungendoui el ſale neceſſario ſecondo la quantità, & ponila a bollire ſopra la braſci longi dal fuoco, & coprila, e laſſala ben cocere: e ben aſciugare, & poi menala molto bene in vno mortaro, e


[versione critica]

con acqua chiara, et falla bollire, come è detto di sopra nel secondo capitolo del bianco mangiare di carne de riso, eccetto non metter brodo di carne.


A fare otto menestre de mandolata.

Togli due libre de mandole monde, e bianche, e pistale molto bene, bagnandole spesso con acqua fresca com’è detto di sopra accioche non facciano olio, et aggiungeli una molica di pane bianco; e distempera ogni cosa con acqua fresca per la stamegna, e metti in una pignata a bollire sopra la brasia, et lassala bollire, per un’ottavo d’hora, et mettivi à bollire con dette mandole, una libra di zuccaro fino. Et questa mandolata vuol esser un poco liquida ponendo un poco d’acqua rosata, sarebbe migliore, et mandale à tavola.


A far minestre de seme de Canapa.

Seguirai l’ordine del capitolo scritto; eccetto che non bisogna, che gli metti brodo di carne, ma pigliarai brodo di bizelli, over di pesce.


Per far Bizelli.

Potrai similmente fare bizelli, con latte di mandole in tempo quatragesimale, com’è detto di sopra in questo capitolo del bianco mangiare.


A fare Bizelli fritti.

Togli li bizelli con le scorze, come sono, e fagli dare un boglio, e togli di buon olio, e frigele un poco, e poi metti gli detti bizelli à cocere, et poni un poco d’agresto, et un poco de sapa, over zuccaro.


A fare otto menestre di fava menata.

Togli della fava franta, et nettala molto bene, et lavala, et ponila al fuoco, et come leva il bollo, getta via quell’acqua, et mettevi tanta altra acqua, che avanzi due dedi sopra la fava, aggiungendovi el sale necessario secondo la quantità, et ponila a bollire sopra la brasci longi dal fuoco, et coprila, e lassala ben cocere: e ben asciugare, et poi menala molto bene in uno mortaro, e


poi