Pagina:Rosselli - Epulario, 1643.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

E P V L A R I O   C H E   I N S E G N A

[versione diplomatica]

Ver far fritei le in va’-altre moie.

Ta vna compofinone in qucli „> modo, ¡k forma, che fi dice di Copra nel capitolo di farne friteile dell a giuncata. Et babbi dd ftnocchio quando fiorito., & fi ¡tu vole Itila tutta aocioche, alias mettili del fenocphio infìemc_>, altramente ti piace, poterai parare tutte quelle fue feno- chietie.ó ramiceli“,à vno, à vno, ò a doi come ti piace,& tingendo, & voltando malto bene il fenocchio ne la predetta compofitione, li friserai in buon eleo»


Pìj’ frigers peftinatJie.

Nettale molto bine, &cau> inora quel duroclianoia mezole farai aleflare, & cotte che faranno le infarinatiti molto bene, & poi frigerale inbuonoleo.


Capitolo»one per eueeere tua in opti mede.

Prima per fare vna buona frittata,

Batterail*oua molto bene infietne con vno poco delace i & vn poco d*acqua per farla alquanto più mordida. Item vn poco de bon cafio grattato, & coceralli in buon butiro, perche ila piti graffa. Et noiache per faria buona non vuol effe re voltata ne molto cotta, nudala in_* eauola.


Nota, & volendo far, ehefefle verde.

Prenderai fimilmente le cofe fopradette, giungendoui del iciugo di queftj herbe, Gioè bieca,e petrofillo in buotia quantità, e bobine, menta, mazorana, faluia in minor quantità pattando il iciugo per la ftamegna» & fa le filiate.


Per ftr(in altro modo frittila con herbe.

Prenderai le fopradette herbe,& tagliate minàte,le fri geraivn poco in buon butiro, ò oleo mefcolandole con oua,& altre cole iopradfitre farai la fritata, & cocerlla diligentemence>chefiabenelìrettai& non troppo cotta.


Ter fare oua fritellate.

Mette la padella dc’J’eko, e fa che Ha vn poco de oua


[versione critica]



rom