Pagina:Rosselli - Epulario, 1643.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

A   C V C I N A R E. 23

[versione diplomatica]

Vtrfare frittile in altro modo informa di pefit.

Pilla delle mandole è dillemperale con acqua rotata, & 2uccaro,& babbi della farina diftemperata con acqjra Comrouné &r con zuccaro affii, &melcoUco ogni caia iriTeme, farai le fritelle, Si informale in quelle forma de pelcefoprafcritte.Nota eh- quelledeU»eefferafeimre mia padellatomela torta,


Per fart fritelle in nitro modo in forma di rafiaìi

Farai vna cópofitioue limile alla lopra Icnua dt mas*, dofede farina de zuccaro, &con è(T.i farai le fricefle.


Per farne v» altra à (ì militudìnt de frittile.

Hsbbi delle mandole nette, ò depignuuli, de le noce, è di qtnle fi a, farai ben p ritare con vn poco de vtia pai fa,ò de fichi lecchi,& mettendola del latte de peiee.o de filarelli gli faranno bonnltem del petjoiilio, e madori »a battuta bene con vn poco de bone ipe 1 - & quefis coro, pn fino ne tivè gialla con lo zafferanno, poi fa le feitclk, tc frigt1e-ÌH buono oglio.


Perfette fritelle de ri fi in >mdo dcpafiellc piccoli,

Fa cuocere il ri lo molto bene, 8rp Ila vn pocodenwa dole, & paffaralle ben ftrecce con vn poco d acqua rofata perla flamegna incorporando bene >I ri!©,con illattede- mandole li giungerai del zuccaro, & c.india, & vn poco de farina de amido, & fi quelle fritelie ia forma de pa- ftclletti, frigendole in buoaooglio.


Ter fare fritelle piene dì vento, &c.

Togli del fiore della farina è de l’acqua, e del fafe_j, &,del zuccaro diilemprarai quella fsnna facendoae vna paila.che non fia troppo dura, & falla iottiie à modo di f Jre l.dagne,&r dirtela la detta palla {opta vna tauala eoa vna forma de legno tondo,ouero con vn bicchiero la ta¬ glieri! frigendola in buon oglio. & guarda che nas te ne vernile butta in neffunluoco, & aquefìo modofigon* fiatinole fritelle, che pareranno piene, e faranno vode, & mettili iopra del miele.


[versione critica]



C    8                        Per