Pagina:Rosselli - Scritti politici e autobiografici, 1944.djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Così è l’Italia tutta. Silenziosa, prona, disciplinata. Non manca ormai che inventare il linguaggio muto perché i sudditi non turbino con la loro favella i suoni delle generazioni imperiali e la fatica operosa del Capo.

Un solo rumore, una sola voce può levarsi in Italia: la sua. E dopo la sua, la risposta fragorosamente sadica della folla ridotta a polvere umana che grida DU-CE, DU-CE.

È questo rumore abbietto di servitù che occorre far cessare in Italia. L’Italia è silenzio: sia pure. Ma che sia tutta silenzio. Che il dittatore giri solo coi suoi sgherri per le vie silenziose. Che un silenzio fondo risponda alle sue grida e alle sue smorfie.

Il silenzio dei popoli è la condanna dei potenti.

Nel silenzio universale si sente meglio il rumore delle catene.

78