Pagina:Rusconi - Teatro completo di Shakspeare, 1858, I-II.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



GLI EDITORI





La Nuova Biblioteca che prendemmo a pubblicare, e che ebbe fin qui segni non dubbi d’incoraggiamento da ogni colta persona, proponevasi di raccogliere i capolavori, non solamente della nostra, ma sì anche quelli delle letterature forestiere, per renderli, mercè la tenuità del prezzo, familiari anche fra noi. — Conseguentemente a questo concetto, che utilissimo ci parve pel nostro paese, noi pensammo tosto ad attuare l’edizione delle opere del più gran poeta che abbia avuto l’Inghilterra, diciamo di quello che creò il teatro e la letteratura di quella nazione, e che, come sagacemente fu osservato ai nostri giorni, prestò le sue immagini a Byron, il suo dialogo a Walter Scott.

Shakspeare giunse, annuenti tutte le generazioni che gli succedettero, a tale altezza, che non vi è angolo di Europa dove il suo nome non trovi un’eco di ammirazione. Alla miniera inesauribile, che il suo genio dischiuse, attinsero largamente Schiller e Goëthe, Hugo e Manzoni, quanti scrittori infine vollero calzare il coturno, rappresentando sulle scene la vita, non più di un giorno, come le unità greche richiedevano, ma di un tempo valevole a svolgere tutte le pieghe del cuore dell’uomo. — Shakspeare, venerato in Inghil-