Pagina:Saggio di racconti.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cecchin salviati 145

dei viveri, non l’aver nemici per tutto, non l’esser morto lo stesso prode Ferruccio1 potevano sgomentarli ed indurli ad accettare i Medici. Il solo turpissimo tradimento di Malatesta Baglioni loro generate doveva rendere inutile tanto valore di cittadini, e tanta magnanimità di popolo. «Firenze era ormai perduta, e alcuna forza umana non poteva a

  1. «Con soli 300 pedoni e 600 cavalli incontrò a Gavinana presso S. Marcello nella montagna di Pistoia il nemico con 8000 soldati. Nel principio della battaglia i Fiorentini tanto minori di numero furono sul punto di sbaragliare i Tedeschi e gli Spagnuoli, e videro cadere estinto lo stesso principe d’Orange lor generale; ma ciò non fu che un passeggiero segnal di vittoria contrastata da una battaglia sanguinosissima, nella quale i Tedeschi, facendo barriera a chi fuggiva, rinfrescavano con nuove genti il combattimento dentro e fuori di Gavinana. Benchè il Ferrucci e l’Orsini avessero formata tutta una fila di uffiziali e sostenessero gagliardamente l’impeto Austro-Ispano-Papale scagliandosi dovunque vedevano il bisogno maggiore, e incoraggiando i soldati che al combattimento lasciavansi infilzare dalle picche o trapassare dagli archibusi piuttosto che ritirarsi un passo addietro; pur nonostante tanto ardire, quel prode fiesolano vedendo la piazza di Gavinana ricoperta di cadaveri correr sangue da ogni parte, nè potendo molto adoperare le trombe a fuoco per le grandi piogge in quel dì cadute, dopo esser rimasti esangui nel campo 2500 combattenti, il Ferrucci con i suoi aiutanti trovossi fatto prigione. Ma un sì bel trionfo non bastava al Maramaldo, il quale contro il diritto delle genti, per vendicarsi dell’onta ricevuta a Volterra, dopo averlo fatto disarmare, trapassò al Ferrucci la gola, togliendo barbaramente di vita il più ardito e valoroso capitano di quell’età, colui che perfino morendo bravava il suo nemico col dirgli: che egli ammazzava un uomo oramai mortoRepetti op. cit. V. II, pag. 217.