Pagina:Saggio di racconti.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
18 racconto primo

Nanni a stare qualche volta con loro; e in questo modo la separazione fu meno dolorosa. Poi vi fu un’altra circostanza che fece molto piacere ad Ilario ed a tutti. Il contadino istruito avrebbe avuto toglia di pigliar seco Ilario, se ve ne rammentate; ma ora non lo poteva più fare perchè i suoi genitori lo avevano ritrovato, ed era stata una fortuna infinitamente più grande... Ebbene, indovinereste voi cosa fece?... Prese Nanni che era buono da quanto Ilario, e promise di tenerlo come figliuolo. Pensate se la Maria ci ebbe gusto! Era meglio fare il contadino che il mattonajo. Insomma, con tutte queste cose Ilario pote partire più volentieri.

Nonostante, la prima separazione costò molto a tutti; ed anche gli altri abitanti del paesetto mostrarono quanto Ilario si fosse meritato il loro affetto e la loro stima. Che bella cosa lasciar per tutto una buona memoria di sè, e sapere che in quel luogo dove siete stati per qualche tempo la gente vi rispetta e vi ama!

Arrivato che fu Ilario nel luogo dov’erano accasati i suoi genitori, vide che era un Borgo molto più grande di quello della Maria, con più gente, con più artigiani, e che era un paese ricco e vicino alla città.

Suo padre vi aveva una comoda casa e una bottega nuova, ed egli rimase meravigliato a vedere un’agiatezza della quale non aveva avuto l’idea. L’industria e l’abilità di suo padre avevano prodotto quel cambiamento.