Pagina:Saggio di rime.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

* xxxi *

VErgine illustre, e saggia,
     Che sai nel fior degli anni
     Del Mondo lusinghiero
     4Schernir l’arte, e gl’inganni,
Nè il chiaro sangue avito,
     Che pur ti bolle in seno,
     Per cui sperar potevi
     8D’esser felice appieno,
E le ricchezze, e gli agi,
     Che in giovin donna tanto
     I molli affetti, e il core
     12Han di sedurre il vanto,
A trarti fuor son manchi
     Da quel sentier scosceso
     Più assai di quel che credi,
     16Ch’oggi a salire hai preso.
Anzi veloce il passo
     Via più rinforzi ognora;
     Sì il tuo cammin comincia
     20Del giorno in su l’aurora.
Qual semplicetta cerva
     Dal santo Amor ferita
     Corri a smorzar tua sete
     24Al fonte della vita.
Ivi la brama, e attende
     Il Crocefisso Sposo,
     A prepararne intento
     28L’eterno tuo riposo.


L’in-