Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Infatti una quarantina di barili erano schierati intorno alle muraglie.

– Vi è qui tanta polvere da mandare in aria una intera città – disse il brasiliano.

– Ritorniamo, poiché non è prudente rimanersi qui – disse il negro, trascinando un barilotto presso l’apertura onde cercare di turarla.

Banes si calò giù pel foro, il negro lo seguì e colle mani spinsero sopra il barilotto.

– Domani a sera noi prepareremo una lancia con dei viveri, poi uno di noi darà fuoco.

– Sarò io che accenderò la miccia – disse il negro.

Entrambi, camminando lungo le muraglie, entrarono inosservati nel forte, si strinsero la mano e si lasciarono.

Durante il giorno, mentre lavoravano coi compagni da certi sguardi e da certi segni s’accorsero che il buon sangue più non regnava fra l’equipaggio della Garonna.

Anzi tre o quattro marinai attaccarono zuffa coi partigiani del capitano Parry, minacciandoli coi coltelli.

Calò finalmente la sera, una sera buia, minacciosa. Sul mare lampeggiava ed un forte vento soffiava dal sud-est. Banes e Bonga, appena calate le tenebre, uscirono dal forte per recarsi alla baia. Mentre camminavano dietro le muraglie, videro sulla cima dei marinai i quali si facevano dei cenni misteriosi.

– Buono – mormorò Banes raddoppiando il passo. – La rivolta sta per scoppiare.

Giunti alla baia salirono nell’imbarcazione e si recarono a bordo della Garonna.

Colà gettarono nell’acqua la lancia più grande, vi misero entro due sacchi di biscotto, due barilotti d’acqua, della carne salata, alcuni fucili, remi, vele, corde e bussola, poi la spinsero verso la riva.

– Aspettami qui; io vado a dar fuoco alle polveri – disse il negro, mentre un sorriso crudele gli spuntava sulle grosse labbra.

– Bada a non farti sorprendere.

Bonga balzò a terra portando con sé una scure e una lunga miccia, si arrampicò sugli scogli, guadagnò la galleria ed entrò nella polveriera.

Coll’accetta spezzò sei o sette barilotti disperdendo la polvere al suolo, poi diede fuoco alla miccia. Stava per riguadagnare la galleria, quando una scarica risuonò nel forte, accompagnata da urla indescrivibili.

– La rivolta! – esclamò egli, slanciandosi all’aperto.

Tutte le finestre del forte erano rischiarate da numerose torce, colpi di fucili, gemiti, imprecazioni e grida risuonavano in tutte le