Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Il capitano Solilach si gettò dinanzi al negro colle pistole in pugno e togliendolo di mira gli disse:

– Bonga! Guardati!

Il negro vedendo il capitano, si fermò: aveva conosciuto colui che aveva sgridato il secondo.

Incrociò le braccia sul petto, chinò il capo, dicendo:

– A voi mi arrendo.

Il capitano scorgendo sul petto dell’ercole le tracce delle battiture, fece un gesto di minaccia al secondo, poi ordinò che lo si riconducesse nel frapponte.

Bonga non fece nessun motto e si lasciò incatenare.

– Ed ora signore, mi direte perché avete battuto quel negro? – disse Solilach con accento severo, volgendosi verso Parry.

– Perché tentava di spezzare la catena – rispose il secondo, asciugandosi il sangue che gli sgorgava dal naso.

– Badate che ciò non succeda più. Voglio che i negri siano lasciati in pace.

– Ma fu lui che...

– Silenzio!... Voi avete voluto vendicarvi, lo so. Guardatevene dal toccarlo poiché un giorno quel negro sarà nostro marinaio.

Ciò detto lo lasciò solo, scendendo nel quadro.

Il secondo lo seguì cogli sguardi, poi facendo un gesto di minaccia, mormorò con rabbia:

– Maledizione! Verrà un giorno che il pirata si vendicherà del negriero.

Poi dissimulando la sua collera, accese un cigarito e andò a fumare presso la ribolla del timone.

Al mattino, appena il sole si fu levato, si udì la voce di un marinaio posto in vedetta sulle crocette a gridare:

– Una vela a dieci miglia sottovento!

A quel grido inaspettato, capitano e marinai si guardarono in faccia, poi tutti si precipitarono sulle griselle volgendo gli sguardi verso il luogo segnalato.

– Non si vede nulla – disse un marinaio rompendo il silenzio generale che regnava in coperta.

– Nemmeno noi vediamo nulla – affermarono gli altri.

– Ehi Walker, dove vedi la vela? – domandò Solilach all’uomo di vedetta.

– Laggiù, a dieci miglia sottovento – rispose il marinaio dall’alto della crocetta.

– Ah!... Non vedete che il briccone si è munito di un cannocchiale – disse il capitano ridendo.

Il secondo corse a prendere un cannocchiale, e lo porse al capitano, il quale lo puntò con grande calma.

L’equipaggio lo aveva circondato e ansioso aspettava che dicesse