Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Quelle canaglie ci hanno imitati. Guardate i marinai che spiegano i coltellacci e gli scopamari.

– Decisamente quel dannato capitano vuole raggiungerci a qualunque costo – disse Solilach, stizzito.

– E ci raggiungerà presto, signore. Il Cape-Town è il più rapido dei vascelli dopo l’Orient – disse il secondo.

I coltellacci dell’incrociatore erano stati appena spiegati che un mormorìo di rabbia s’alzò fra l’equipaggio della Garonna. La nave nemica correva più rapidamente di prima.

– All’abbordaggio dunque – disse il capitano. – Abbiamo il vantaggio d’aver più grossi cannoni, ma lo svantaggio di esser sotto vento.

– Credete voi, – domandò il secondo, – che l’essere sopravvento sia una grande fortuna?

– Sì, poiché la nave che si trova sopravvento può determinare il momento e la distanza dell’attacco, rimane colla carena più sommersa e quindi meno esposta alle palle, ed il vantaggio esser meno incomodata dal fumo e di non correr pericolo d’infiammare le cariche dei suoi cannoni.

– Sia ciò che si vuole, gliele daremo – disse il secondo.

– Sì e non più tardi di un’ora. Ormai ogni speranza di fuga ci è tolta; venga adunque l’abbordaggio e allora...

S’interruppe poi, si batté la mano sulla fronte e mandato un grido di gioia, esclamò:

– Ah! E io che mi dimenticava...

– Che cosa? – gli chiese il secondo.

Il capitano invece di rispondergli si volse verso i marinai dicendo:

– Non abbiamo noi a bordo alcune botti di spirito?

– Sì, due – risposero alcuni marinai.

– Portatele subito in coperta.

Alcuni minuti dopo le due botti furono issate sul cassero.

Allora Solilach abbandonò il ponte di comando e le fece attaccare a due paranchi e sospendere all’altezza del capo di banda di poppa.

Poi volgendosi verso i marinai della manovra, disse:

– Quando ci abborderanno, mentre noi respingeremo l’attacco, afferrate le botti, spingetele sul vascello nemico, spaccatele e incendiate il liquido. Quando le fiamme scorreranno, dateci l’avviso.

– Quale sarà il segnale? – domandarono i marinai.

Ramba – disse il capitano.

– Noi vedremo quel dannato Cape-Town in fiamme – esclamò il secondo con gioia feroce.

– Ma cos’è questo fragore? – domandò Solilach tendendo gli orecchi.