Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Si batte il tamburo a bordo dell’incrociatore – disse il secondo.

– Prepariamoci per l’arrembaggio allora.

I grappini furono messi a posto per esser lanciati contro l’incrociatore, la santabarbara venne aperta, poi, i coltellacci, gli scopamari e i pappafichi furono imbrogliati. Gli uomini della manovra si disposero ai piedi degli alberi, i fucilieri dietro le murate, e gli artiglieri ai loro pezzi.

Il Cape-Town allora non si trovava che a seicento metri. Solilach poté vedere gl’inglesi schierati lungo le murate, pronti per l’abbordaggio.

Passarono ancora alcuni minuti: la Garonna fuggiva sempre, perdendo a ogni istante terreno e la distanza scemava sensibilmente.

Ad un tratto una nuvola bianca coronò la prora del brick. Due detonazioni scoppiarono, e due palle andarono a spezzare il pennone di pappafico dell’albero di maestra della nave negriera.

Il capitano Solilach aveva seguìto attentamente, cogli sguardi, la manovra degli artiglieri nemici.

– Animo figliuoli, quel dannato incrociatore comincia la musica! – gridò. – Attenti ai vostri colpi; mirate giusto e picchiate sodo. Su via, fuoco!

I due cannoni di poppa tuonarono nel medesimo tempo, e poco dopo un urlo di dolore s’innalzò a bordo del brick: sei uomini che erano schierati presso l’albero di trinchetto erano stati massacrati da una palla.

Un urrah prolungato scoppiò a bordo della Garonna; i primi colpi erano stati tirati e solamente quelli del negriero avevano colpito giusto.

La corsa continuò ancora per alcuni istanti, poi la prora del brick avvampò di nuovo, delle detonazioni scoppiarono e dei messaggieri di morte tempestarono la nave negriera, forandole le vele, e spezzandole parte della murata di babordo.

Solilach mandò un urlo di furore. Si slanciò giù dal ponte come toro ferito, e precipitandosi in mezzo agli artiglieri, gridò con voce irata:

– Dannazione! Fuoco! Fuoco!

Nel medesimo istante i sei pezzi della batteria di babordo della nave negriera tuonavano con orrendo frastuono, lanciando un turbine di ferro sul vascello nemico. Una parte del castello di prora volò in ischeggie e due o tre pennoni, infranti dalle palle, rovinarono sul ponte.

Poco dopo la moschetteria incominciò a farsi udire.

Allora il fracasso divenne spaventevole. I tiri dei cannoni, i fischi delle palle che spezzavano gli attrezzi, le grida e i gemiti dei feriti, i comandi, le imprecazioni formavano un baccano assordante.