Pagina:Salgari - I drammi della schiavitù.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
38 emilio salgari


– Sì – rispose Alvaez, come se obbedisse ad una volontà non sua.

– Duecento pannos.

– Sia.

– Vieni a consegnarmi la merce.

Alvaez seguì il re, ma pareva che fosse assai preoccupato. Si sarebbe detto che la vista della giovane schiava, aveva prodotto su di lui una profonda emozione.

Mastro Hurtado, che aveva ricevuto gli ordini necessari si era recato già sulle rive del fiume e l’equipaggio della Guadiana aveva cominciato sollecitamente lo scarico delle mercanzie, consistenti in barili di tafià, botti di rhum di tratta, orribile miscela nella quale il vetriolo ha larga parte, vecchi fucili, scuri, coltelli, aghi, filo di ottone, conterie, oggetti di vetro d’ogni specie, casse di vestiti militari fuori d’uso, fazzoletti e soprattutto numerose balle di tela di cotone e di tela indiana.

Queste tele sono appositamente fabbricate pel commercio coi popoli africani, su un modello che viene da secoli e secoli, esattamente copiato.

Le tele di cotone sono a righe bianche e turchine o a quadretti di vari colori, ma devono avere un’orditura stabilita ed una larghezza di trentasei pollici; le tele indiane invece, hanno una larghezza minore ma anche in queste il disegno e la orditura devono essere rigorosamente identici. Una riga diversa, un fiore o un quadretto di altra tinta, una minore larghezza, anche minima, bastano per farle inesorabilmente respingere dai compratori negri, che prima di riceverle le esaminano scrupolosamente.

Il prezzo degli schiavi si paga sempre in pannos, misura questa che ha una larghezza di trenta pollici, ma non accontentandosi i negri di avere tutta tela, stabilirono un valore speciale per i pannos. Così ottanta pannos, generalmente vengono valutati su per giù da ottanta a cento lire e con questo prezzo i negri ricevono ordinariamente un fucile, un po’ di polvere, una certa quantità di rhum, un po’ di tela, degli aghi, delle conterie, qualche fazzoletto, qualche specchio da pochi soldi, un berretto di lana rossa, oppure un coltello o un po’ di carta colorata, ecc.

I negrieri però, prima di sbarcare le merci, aspettano che i negri siano ubriachi, per mescolare dell’acqua nei liquori e sbarazzarsi di tutte le cianfrusaglie più avariate e d’infimo valore.

Bango però, malgrado le due bottiglie vuotate, non aveva perduto completamente la testa, come non l’aveva perduta la sua