Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


che se qualcuno dei miei uomini cade per mano vostra, noi non vi risparmieremo.

L'argentino alzò le spalle senza rispondere.

– Quale portata hanno i vostri cannoni? – chiese il pirata.

– Duemila metri.

– Sono un buon artigliere io e farò danzare quei dannati mangiatori di carne umana.

Lasciò l'argentino che stava alla ribolla del timone e chiamò i suoi uomini dando loro gli ordini pel combattimento, quindi si collocò dietro ai due pezzi assieme a Sao-King e Cyrillo.

Intanto la flottiglia dei selvaggi si era schierata dinanzi l'imboccatura della baia, per tagliare la via all'Alcione.

Si componeva di quattro doppie piroghe lunghe oltre quindici metri e di sette canoe, montate da un centinaio e mezzo di selvaggi.

Tutti gli uomini capaci di maneggiare un'arma erano accorsi al villaggio per far pagare caro ai pirati il loro tradimento e riconquistare l'arrosto di carne bianca.

Vedendo la nave avanzarsi, si erano stretti in gruppo, vociferando spaventosamente, brandendo minacciosamente le clave, le lance dalla punta d'osso e gli archi.

– Vogliamo i bianchi! – urlavano. – Fermatevi o vi abborderemo.

Ad un tratto le piroghe si misero in corsa, appressandosi velocemente alla nave.

L'argentino, accortosi del pericolo, aveva gridato:

– Fuoco! Non occupatevi delle vele! A mitraglia!

Strong e Sao-King avevano subito risposto, scaricando i due pezzi d'artiglieria.

Una piroga, colpita in pieno, fu spaccata e affondò subito, ma le altre continuarono la corsa, mentre gli arcieri scagliavano sul ponte della nave nembi di frecce.

Anche i pirati avevano cominciato a far fuoco coi moschetti. Quei bricconi, abituati ai combattimenti e soprattutto agli abbordaggi, si battevano splendidamente, senza perdere un atomo della loro calma.

Buoni bersaglieri, di rado mancavano ai loro colpi. Ogni palla che usciva dai loro moschetti uccideva o storpiava un uomo.

I selvaggi tuttavia s'avanzavano così velocemente, da rendere subito inefficace il fuoco delle artiglierie.

Sao-King, temendo che potessero giungere in coperta, caricò i due pezzi a mitraglia, poi seguìto da Ioao e da Cyrillo si slanciò sul cassero per difendere l'argentino rimasto al timone.

I banditi invece si erano aggruppati sul castello di prora e di là facevano un fuoco infernale contro gli equipaggi delle piroghe.

Un abbordaggio era già imminente, quando l'Alcione, che aveva