Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Cosa volete, capitano – chiese.

– Affrettatevi a scendere.

– Devo aiutare il commissario.

Un riso sinistro gli giunse agli orecchi.

– Che quelle mignatte rimangano a bordo – disse il capitano. – Ne ho avuto abbastanza di loro.

L'ufficiale aveva fatto un gesto di furore.

– Avete dimenticato che vi sono i cinesi a bordo? – chiese con ira.

– Che se la sbrighino essi coi coolies.

– Signore, voi non commetterete mai una simile infamia!

– Scendete o faccio tagliare le funi.

– Non scenderò che col commissario e con suo fratello.

– Stupido! Che il diavolo vi porti! – gridò il capitano furioso. – Per l'ultima volta scendete.

– No, signore. Io non commetterò mai una simile vigliaccheria.

– Allora buona notte! Tagliate le gomene!

Il signor Vargas aveva mandato un urlo di rabbia e si era slanciato verso un moschetto stato abbandonato sul castello.

– Pirata! – gridò. – Ti uccido!

Un lampo ruppe le tenebre, seguìto da uno sparo e da un grido di dolore.

– Ti ho colto, avvelenatore! – urlò l'argentino.

Uno scoppio di risa s'alzò fra le tenebre.

– Buona notte, signor Vargas! – gridò una voce ironica.

Era quella del capitano Carvadho.

A quello sparo le sentinelle cinesi che vegliavano sulle barricate, erano balzate in piedi, gridando:

– All'armi! Gli uomini bianchi!

Il commissario intanto, aiutato da Ioao, era riuscito ad alzarsi e s'era aggrappato alla murata.

– Che cosa succede signor Vargas? – chiese.

– I vili ci hanno abbandonati.

– Chi?... I marinai! – esclamò il signor de Ferreira con doloroso stupore.

– Ed anche il capitano.

– Miserabili!

– E l'ho mancato! L'avessi almeno ucciso!

– Sicché siamo soli?

– Soli, signore, e contro tutti i cinesi.

– E voi non li avete seguìti?

– Mi sono rifiutato di abbandonarvi, signore. Non ho voluto rendermi complice d'una simile vigliaccheria.

– E non avete pensato che i cinesi vogliono il nostro sangue?

– Forse Sao-King non si prenderà la nostra pelle.

– Almeno la tua – disse Ioao. – Io mi rammento che quando