Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
252 emilio salgari


I due europei e l’arabo, impotenti a far fronte a tanti avversari, si ritrassero più in alto, e di là fecero una seconda scarica, gettandosi poi subito a terra per evitare di essere colpiti dalle palle che fioccavano da tutte le parti.

In quel momento si udì Heggia gridare dall’alto della collina:

— In ritirata! Siamo pronti!

Matteo, El-Kabir e l’inglese raggiunsero velocemente la cinta.

Il Germania ondeggiava fortemente.

— Nella piattaforma! — gridò il tedesco.

I tre uomini balzarono dentro, mentre Heggia gettava via i massi ed i cilindri vuoti.

L’àncora fu staccata d’un colpo solo e il Germania cominciò ad alzarsi rapidamente.

In quel momento un arabo comparve sul margine della foresta.

— Ladri! — gridò. — Scendete!

— Altarik! — esclamò El-Kabir. — Prendi!

Un colpo di fucile rimbombò e l’arabo cadde mandando un forte gemito.

— Eccomi vendicato! — gridò El-Kabir, agitando il fucile ancora fumante.

Alcune scariche partirono di fra le piante. Le palle non potevano ormai più giungere fino al Germania, che si alzava con velocità crescente. Gli arabi e i negri con uno sforzo prodigioso si erano slanciati verso la piccola cinta che coronava la cima della collina e di là continuarono le loro scariche.

— Prendete anche voi! — disse Ottone lanciando una granata.

Il proiettile scoppiò proprio nel mezzo dei negri e degli arabi, facendo strage degli uni e degli altri.

I superstiti, spaventati, fuggirono a rompicollo salvandosi nei boschi, mentre il Germania a forza d’elica si allontanava in direzione di Kilemba. Passò lentamente sopra la città, affollata di negri, lasciando cadere addosso a loro quanti oggetti ritenuti inutili ancora restavano, poi scomparve fra le tenebre in direzione del Lubricki.