Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
62 emilio salgari


Nè il greco, nè Ottone avevan dato alcun peso a quel fatto semplicissimo.

— Berranno quella bottiglia alla nostra salute — aveva detto semplicemente Matteo. — Ne abbiamo ancora una bella scorta.

Poco dopo il Germania lasciava il fiume passando sopra immensi boschi e paludi pullulanti di uccelli.

Alcune aquile dalla testa bianca e con le penne del corpo grigie, vedendo passare il treno volante s’innalzarono e vennero a volteggiare attorno alla piattaforma, manifestando delle idee molto bellicose.

Un colpo di rivoltella sparato molto opportunamente dal greco, le decise a ritornare a terra ed a nascondersi in mezzo agli alberi.

Verso sera il Germania, che aveva rallentata la corsa, essendo il vento diminuito, giungeva sui confini dell’Useoma, designati da una catena di collinette e da affluenti del Wami.

Vedendo che il luogo era deserto, e che il sole stava già per tramontare, il tedesco fece la proposta di fermarsi.

— Giacchè vedo un fiume, ne approfitteremo per rinnovare la nostra provvista d’acqua.

— Siamo ancora molto alti — disse il greco.

— A duecentocinquanta metri.

— Il gas non ha ancora cominciato a condensarsi.

— Proveremo ad abbassarci forzando le eliche. Desidero fare una battuta fra quei boschi prima che la luce scompaia del tutto. Getta un’àncora, Matteo.

— Avremo corda sufficiente?

— Quella dell’àncora misura trecento metri.

— Gettiamola — disse l’arabo.

I due negri staccarono l’àncora che stava appesa sul dinanzi della piattaforma e la calarono finchè la videro toccare il suolo.

Il Germania correva in quel momento sopra una pianura verdeggiante cosparsa di gruppi di sicomori e di bauchinie.

— Attenti all’urto! — disse il tedesco.

L’àncora balzava al suolo strappando erbe e cespugli, senza