Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Ecco la frittura! – gridò allegramente. – Servitevi, signori!

Si erano seduti tutti tre intorno alla foglia, ma Garcia ed Alvaro esitavano.

Quel fritto di formiche non li tentava affatto.

– Assaggiate dunque, signor Viana – disse il marinaio.

Alvaro, quantunque arricciasse il naso, finalmente si decise.

– Corpo d'un elefante! – esclamò quando ne ebbe mangiate alcune. – Sono più delicate e più gustose dei gamberetti di mare!1 Mangia Garcia ed impara ad apprezzare la cucina dei selvaggi brasiliani.

La frittura scomparve in pochi minuti.

– Avanti l'ar... – stava per gridare il marinaio.

Ma l'ultima parola gli morì fra le labbra.

Una freccia aveva silenziosamente attraversata la piccola radura, piantandosi nel tronco d'un albero che cresceva vicino ad Alvaro.

Carracho! – esclamò il marinaio, che si era alzato precipitosamente. – Gli eimuri! Gambe! Gambe!

Sull'opposta riva del fiume erano improvvisamente comparsi alcuni selvaggi che il marinaio aveva subito riconosciuto pei suoi accaniti persecutori.

Quei bricconi che dovevano aver finalmente trovate le tracce dei fuggiaschi, si preparavano a tempestarli di frecce.

Alvaro che non voleva abbandonare tutto, d'un balzo prese l'arrosto e si slanciò dietro al marinaio che filava come un cavallo, seguìto a breve distanza da Garcia che si era impadronito della carne della testuggine.

Gli eimuri, fortunatamente pei naufraghi, si trovavano nell'impossibilità d'inseguirli.

Quel fiume, quantunque guadabile, era per essi un ostacolo enorme ed un ponte non era facile a costruirsi in pochi minuti, specialmente per uomini che non possedevano che delle scuri informi fatte con grosse conchiglie o con pezzi di selce.

– Rallentate un po', marinaio – gridò Alvaro, vedendo che gli eimuri non osavano mettere i piedi in acqua. – Volete farmi

  1. Anche oggidì nel Brasile si fa un gran consumo di tali formiche e anche gli europei le trovano squisite, superiori ai gamberetti.