Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Un fango molle, costituito da sabbie mobili, che cedono facilmente sotto il peso d'un uomo o d'un animale qualsiasi che abbia la disgrazia di cadere entro quelle paludi, forma il fondo. E non si creda già che abbia uno spessore di qualche metro, anzi certe savane si può dire che non abbiano un vero strato solido che possa arrestare gli esseri che posano incautamente i piedi su quella fanghiglia.

Sono veri baratri spaventosi, che tutto inghiottono e che più non rendono, nemmeno gli scheletri che rimangono sepolti in quel fango fino alla loro totale consumazione.

Il mozzo, che non aveva mai udito a parlare né di sabbie né di savane, era caduto su uno di quegli strati cedevoli e si era sentito sprofondare d'un colpo solo fino alle ginocchia.

Alvaro credendo che fosse stato assalito da qualche caimano, stava per slanciarsi a sua volta nella palude, quando il mozzo lo trattenne con un secondo grido.

– No... no... signore... sprofonderete anche voi!...

Alvaro aveva subito compreso il pericolo, sentendo il fondo sfuggirgli sotto i piedi. Non voleva però lasciare il mozzo il quale continuava a sprofondare a vista d'occhio.

Il disgraziato nel dibattersi disperatamente, anziché ritardare l'inghiottimento lo affrettava.

– Non muoverti Garcia – gridò.

Teneva annodata attorno ai fianchi una di quelle lunghe e solide fasce di lana rossa che usano i marinai. La svolse rapidamente, salì sul punto più alto della riva e gettò un capo verso il povero ragazzo che si era nel frattempo immerso fino al petto gridandogli:

– Afferra e tieni stretto!

La estremità della fascia lanciata da una mano sicura era caduta sulle spalle di Garcia, essendo sufficientemente lunga. Serrarsi quel capo attorno al corpo e annodarlo solidamente, fu un momento solo pel ragazzo che non aveva perduta la testa.

– Lasciati trascinare! – disse Alvaro.

Afferrò la fascia e operò una energica trazione, strappando il giovane marinaio da quell'orribile tomba che stava per rinchiudersi sopra di lui.

Il mozzo non osava dibattersi né aiutarsi per paura che le sabbie tornassero ad aprirsi sotto i suoi piedi. Già stava per toccare la riva quando un turbine d'acqua e di fango si sollevò dal fondo, coprendolo e acciecandolo, seguìto subito da un sibilìo acutissimo.