Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Ma quale? Invano ho tormentato il mio cervello.

– Signore, credete che vi siano degl'indiani intorno a questa palude?

– Può darsi.

– Se noi facessimo dei segnali accendendo le canne ed i cespugli che crescono qui e sparando di quando in quando dei colpi di fucile?

– Per farli accorrere?

– Sì, signor Alvaro.

– E farci prendere per poi finire sulla graticola? No, Garcia, preferisco morire di fame e di sete piuttosto che il mio corpo serva di cibo a quelle canaglie.

– Signor Alvaro...

Il portoghese aveva fatto un salto senza ascoltare la fine della frase e si era gettato dietro una macchia di cespugli, guardando attentamente verso la riva.

– Un altro caimano, signore? – gli chiese Garcia che lo aveva prontamente raggiunto.

– Pare che si tratti di qualche altro animale – rispose il portoghese. – Ho veduto le canne aprirsi violentemente.

– Uno di quei grossi serpenti?

– Taci?

Una forma ancora indecisa, assai larga e molto bassa, si sforzava di aprirsi il passo fra i canneti rompendoli a destra ed a sinistra.

– Che animale sarà? – si chiese il portoghese. – Giurerei che si tratta d'una tartaruga.

Era infatti una testuggine della specie delle mydas che sono le più gigantesche che abitino le paludi ed i fiumi del Brasile. Non sono pregiate come la careto, dalle quali si estrae la tartaruga che si mette in commercio; sono invece ricercate per la mole dei loro gusci e per l'abbondanza della loro carne.

Ordinariamente i loro gusci, che sono d'un colore verdastro marmorizzato a squame esagonali, sono lunghi più di due metri e larghi cinquanta centimetri.

Quella però che era approdata sull'isolotto era una delle più gigantesche della specie, lunga quasi otto piedi e larga almeno la metà, una zattera in miniatura.

– Garcia, non muoverti – disse Alvaro, rapidamente. – Vi è là da cenare e da pranzare abbondantemente per una settimana.

La testuggine, apertosi il passo fra le canne, si era fermata